Menu Principale  

   
Tophost
   
   
   

" LE FIGURINE ED IL MIO MONDO "

PICCOLO MUSEO DEI RICORDI D'INFANZIA QUANDO NOI E LE NOSTRE FIGURINE ERAVAMO UN UNICO MONDO

 

NOI COLLEZIONISTI, FORSE INCONSCIAMENTE, CERTAMENTE INCONSAPEVOLMENTE, NEL NOSTRO PIACERE DI RICERCA E SCOPERTA E CONSERVAZIONE DELL'OGGETTO DELLA NOSTRA PASSIONE, FACCIAMO OPERA IMPORTANTISSIMA DI CONSERVAZIONE E SCRITTURA DI PAGINE DI STORIA DELL'OGGETTO, TRAMANDANDO ALLE FUTURE GENERAZIONI UN PATRIMONIO DI CULTURA PECULIARE DEGLI ANNI ATTORNO A CUI, LE NOSTRE COLLEZIONI, ORBITANO.

SE, PER OGGETTI PIU' IMPORTANTI, QUALI AD ESEMPIO I LIBRI, VERI DEPOSITARI DI CULTURA, ESISTONO CENTRI DI RACCOLTA SISTEMATICI TIPO LE BIBLIOTECHE, PER LA FIGURINA, NON ESISTONO CENTRI DI RACCOLTA E DI CONSERVAZIONE ISTITUZIONALIZZATI E PREPOSTI ALLA CONSERVAZIONE DI UN BENE UTILE ALLA COLLETTIVITA'.
TUTTE LE INIZIATIVE SONO A CARICO DEL SINGOLO, PICCOLO, COME IL SOTTOSCRITTO ED I FREQUENTATORI DEL SITO O GRANDE, COME AD ESEMPIO LA PANINI DI MODENA, ATTRAVERSO IL MUSEO DELLA FIGURINA.
C'E' CHI AMA CONDIVIDERE LE PROPRIE COLLEZIONI SOLO CON SE STESSO E CHI, CONTRARIO A TALE COMPORTAMENTO MISOGINO, AMA, INVECE, CHE IL FRUTTO DELLA PROPRIA PASSIONE SIA MESSO A DISPOSIZIONE DELLA COLLETTIVITA' (MI RIFACCIO ALL'ESEMPIO DEI FRATELLI PANINI).

QUELLO CHE NESSUNO HA, FINO AD ORA, MAI PENSATO DI FARE E' DI CONSERVARE, E RENDERE DISPONIBILE ALLA STESSA COLLETTIVITA' DI CUI SOPRA, ANCHE LE EMOZIONI CHE I POSSESSORI DI FIGURINE HANNO PROVATO DA BAMBINI NEL POSSESSO E NELL'USO, CERTAMENTE LUDICO, DELLE FIGURINE!
QUELLA SFERA EMOZIONALE, PRIVATA, PRIVATISSIMA, CHE CI HA ACCOMPAGNATO PER GLI ANNI DELL'INFANZIA, NELLE LUNGHE E GIOCOSE GIORNATE TRASCORSE NELLO SVAGO E NEL DIVERTIMENTO, SPESSO DA SOLI, SPESSO CONDIVISO CON DEI FRATELLI, MENO SPESSO CON DEGLI AMICHETTI, SI, PROPRIO QUELLA SFERA EMOZIONALE CHE NESSUNO COLLEZIONA, CHE NESSUNO RITROVERA' MAI PIU' SE NON LA RENDESSIMO PUBBLICA, SE NE ANDREBBE CON L'ANDARE DELLA NOSTRA MEMORIA E SAREBBE PERDUTA PER SEMPRE.

QUESTA RUBRICA HA LO SCOPO DI RACCOGLIERE TUTTE LE MEMORIE DI UOMINI CHE SONO STATI BAMBINI E CHE NON SI SONO DIMENTICATI DI ESSERLO STATI E CHE NON SI VERGOGNANO OGGI, MAGARI ULTRA SESSANTENNI, DI AMMETTERLO CON GIOIA:"SONO STATO BAMBINO ANCHE IO"!

QUESTA RUBRICA E' QUINDI  UN PICCOLO MUSEO DI RICORDI PERSONALI SCRITTI A SE STESSI, DI MEMORIE LASCIATE NERO SU BIANCO CHE TRAMANDINO IL PIACERE, L'EMOZIONE, LA MEMORIA DEL "MIO MONDO E DELLE AMATE FIGURINE"!  

COME FARE PER LASCIARE LA PROPRIA MEMORIA ED IL PROPRIO RACCONTO DI ESSA?

PER POTER LASCIARE UNA TRACCIA DEL "PROPRIO MONDO" SU QUESTA RUBRICA E' NECESSARIO SCRIVERE UNA MAIL AL SITO Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  ALLEGANDO UNO SCRITTO, COSI' COME SGORGA DALLA MEMORIA E DAL CUORE!
LA LUNGHEZZA NON CONTA, CONTA CHE RISPECCHI LE NOSTRE EMOZIONI DI ALLORA, DI QUANDO GIOCAVAMO CON LE FIGURINE, NON QUELLE DI OGGI CHE VIVIAMO DA COLLEZIONISTI!
E' POSSIBILE ALLEGARE AL TESTO ANCHE QUALCHE IMMAGINE DI FIGURINA, MAGARI UNA DI QUELLE PROTAGONISTE DELLA "MEMORIA", BASTERA' INVIARLA ALLEGATA AL TESTO CON INDICAZIONE SU DOVE SI VORREBBE INSERIRLA 

PER CHI VOLESSE MANTENERE L'ANONIMATO IL SITO LO ASSICURA, PURCHE' SIA CHIARAMENTE INDICATO NEL TESTO DELLA MAIL, ALTRIMENTI LA PUBBLICAZIONE AVVERRA' IN AUTOMATICO RENDENDO PALESE IL NOMINATIVO DELL'AUTORE.

LA REDAZIONE SI IMPEGNA A NON CORREGGERE NE A MODIFICARE ALCUNCHE', TRANNE GLI ERRORI DI BATTITURA ( A CUI MAGARI IL SITO DARA' ANCHE UNA MANO A METTERCENE DI PIU'!!!). 


LISTA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI
CLICCANDO SULL'ARTICOLO IL SITEMA VI PORTERA' ALL'INIZIO DELL'ARTICOLO RICHIESTO 


  1. "SE CADE GIU' DAL LETTO E' AMMONITO!"                                                                          DI CARLO MARIA ALLOCHIS
     
  2. "I RICORDI NON ANDRANNO MAI PIU' SMARRITI"                                                                               DI GAETANO CITRO CALABRESE
     
  3. "TRA LE NEBBIE DEL NIZZA-LINGOTTO"                                                                                              DI CLAUDIO G. DA TORINO

  4. "LO STADIO PIU' BELLO E FANTASTICO DEL MONDO: IL PAVIMENTO DI CASA MIA              DI MARIO ZANETTI

                                        


---------------   0   --------------

GLI ARTICOLI


1

"SE CADE GIU' DAL LETTO E' AMMONITO"
(QUANDO UN LETTO ERA TRASFORMATO DALLA FANTASIA IN UNO STADIO)

DI CARLO MARIA ALLOCHIS

CIO’ CHE ABBIAMO VISSUTO SAREBBE SOLO TEMPO TRASCORSO, LO STESSO TEMPO CHE SCORRE INESORABILE DAL BIG BANG FINO AD OGGI, SE QUALCHE COSA DÌ ESSO NON RIMANESSE IMPRESSO NELLA MEMORIA DÌ CIASCUNO DÌ NOI.

ANDATI VIA PER SEMPRE NOI, TORNEREBBE AD ESSERE SOLO TEMPO TRASCORSO, LO STESSO INESORABILE CHE SCORRE DAL BIG BANG!

RICORDO ME BAMBINO, QUEL TEMPO L’HO SALVATO DAL NULLA.

GRACILE, TUTTO NERVI, SPESSO, MOLTO SPESSO, AMMALATO DÌ UNA FEBBRE STANCANTE CHE PASSAVA E RITORNAVA A MINARMI, COME UNA PERTURBAZIONE ATLANTICA …

COME TUTTI I BAMBINI AVEVO SETTE VITE DA SPENDERE ED UNA SOLA DA VIVERE!

DALLE FINESTRE DEL SALONE DELLA NOSTRA CASA, CON IL LUNGHISSIMO CORRIDOIO AD ELLE (SI, PROPRIO DELLA FORMA DELLA LETTERA ELLE MAIUSCOLA), DOVE - COI MIEI FRATELLI - ORGANIZZAVAMO PAZZESCHE PARTITE DÌ CALCIO (MAI VISTO UN CAMPO A BUDELLO CON UNA SVOLTA DÌ 90 GRADI AL CENTRO, PROPRIO COME UNA ELLE), POTEVO VEDERE IL GIORNALAIO CHE STAVA DALL’ALTRA PARTE DELLA VIA E SPESSO MI METTEVO, DIETRO I VETRI, A LEGGERE I TITOLI DEI GIORNALI ESPOSTI SU UNA SPECIE DÌ CARTELLONE PUBBLICITARIO, COME SE FOSSE UNO “STRILLONE” DÌ CARTA!

UN GIORNO, ACCANTO AI TITOLI ROBOANTI DEL “CORRIERE ADRIATICO”, NOTAI UNA STRANA MACCHINETTA,COLOR GIALLO –BLU, SOSPESA DA TERRA DA UN TREPPIEDE, TANTO LEGGERO QUANTO INSTABILE, CHE AL CENTRO MI SEMBRAVA CONTENERE “COSE” MULTICOLORI!

QUELLO FU IL MIO PRIMO CONTATTO CON UN DISTRIBUTORE SIDAM, IL MIO PRIMO APPROCCIO AL MONDO DELLE FIGURINE CARTONATE!

NON SO QUANTI LAVORETTI ABBIA FATTO E QUANTE VOLTE ABBIA “RUBICCHIATO” DAL PORTAMONETE DÌ MAMMA PER RECUPERARE LE 10 LIRE NECESSARIE A POTER GIRARE LA MANOVELLA E PRENDERE FIGURINA E GOMMA AMERICANA!

QUELLO CHE MI PIACEVA DÌ QUELLE FIGURINE ERA LA DIMENSIONE ED IL FATTO CHE FOSSERO RIGIDE, CHE NON SI PIEGASSERO TANTO FACILMENTE E CHE FOSSERO QUASI DISEGNATE, COME DEI CARTONI ANIMATI ….

IN BREVE TEMPO NE RACCOLSI PARECCHIE ED IMPARAI A CONOSCERE I VARI DISTRIBUTORI, CHE IN CITTA’ SPUNTAVANO COME FUGHI FUORI DA OGNI TABACCHERIA E GIORNALAIO.

RINUNCIAI, UNA MATTINA, AL TRADIZIONALE PREMIO CHE MIA MADRE MI CONCEDEVA, OLTRE ALLA COLAZIONE AL BAR CON TAZZONE DÌ LATTE CALDO E CORNETTO, QUANDO USCIVO DAL LABORATORIO DÌ ANALISI DELL’OSPEDALE CIVICO DOPO AVER EFFETTUATO IL PRELIEVO DÌ SANGUE PER LE ANALISI, A CUI MI SOTTOPONEVO CON UNA CERTA, TROPPA, FREQUENZA.
NORMALMENTE, DIFATTI, PRENDEVO UN PACCHETTO DÌ GOMME AMERICANE A FORMA DÌ PACCHETTO DÌ SIGARETTE CHE POI MI “FUMAVO” CON LA FANTASIA PER UN PAIO DÌ GIORNI PRIMA DÌ ADDENTARLE.
QUELLA MATTINA VIDI, FUORI DAL BAR, UN DISTRIBUTORE DIVERSO, COLORATO DIVERSO E VIDI CHE LE FIGURINE CHE CONTENEVA ERANO CALCIATORI ED AVEVANO UN PICCOLO PALLINO ROSSO NELL’ANGOLO IN BASSO A DESTRA: ERA UN DISTRIBUTORE DÌ FIGURINE E.D.I., CHE QUELLA MATTINA FECI ROTEARE ALMENO 6 VOLTE!

SIDAM ED EDI NON ERANO MOLTO COMPATIBILI, MA PER DIMENSIONE SI …. E SI POTEVANO COLLEZIONARE ANCHE ASSIEME SINO A CHE UNA SIDAM NUOVA SI SOVRAPPONEVA AD UNA E.D.I. E VICEVERSA.

CREDO DÌ ESSERE ARRIVATO AD AVERNE ALMENO UN 200, DIVERSE, TENUTE IN UNA SCATOLA CHE SPESSISSIMO APRIVO PER TRASTULLARMI CON LORO RIGIRANDOLE TRA LE MANI E GUARDANDOLE COME SOLO UN BAMBINO PUO’ FARE.

FU UNA MATTINA IN CUI ERO COSTRETTO A LETTO DALL’ENNESIMA FEBBRE CHE, APRENDO LA SCATOLA, SENTII COME IL BOATO DELLO STADIO, UNA SORTA DÌ “E” ED “O” PRONUNCIATE COME SEGUITE DA MOLTE “H”, COME IL BRUSIO DÌ 50 MILA ALLO STADIO ALL’INGRESSO DEI LORO CAMPIONI ……

EEEOOOOHHHHHHHEEEEOHHHHHHH ……………… ALL’INFINITO, LA COLONNA SONORA DELLO STADIO ……. EEEEOOOHHHHHEEEOHHHHHHHH …..

QUALCHE GIORNO FA MIO FIGLIO STAVA GIOCANDO CON LA SUA PLAY STATION ED HO POTUTO RISENTIRE, PIU’ O MENO, QUEL SUONO … DÌ “STADIO”… MA IL MIO “SUONO DÌ STADIO” ERA IL MIO, LO FACEVO IO, COL MIO FIATO, QUESTO ERA UN FILE REGISTRATO, SEMPRE UGUALE, QUASI UN BRUSIO NOIOSO, SEMPRE DIVERSO SEMPRE MAGICO IL MIO!

DAVANTI A ME LA COPERTA DEL LETTO ERA DIVENTATA ERBA VERDE E DENTRO LA SCATOLA LE FIGURINE ERANO DIVENTATE CALCIATORI VERI, MENTRE LE VOCI DÌ ROBERTO BORTOLUZZI DALLO STUDIO CENTRALE E DÌ NICOLO’ CAROSIO O ENRICO AMERI O ANDREA BOSCIONE (L’ALTRO GRANDE, SANDRO CIOTTI SI AGGREGHERA’ ALLA COMPAGNIA IN SEGUITO) COMINCIAVANO A RIEMPIRE LA STANZA DÌ PAROLE DÌ CALCIO GIOCATO…….

ESTRASSI DALLA SCATOLA 11 FIGURINE DEL BOLOGNA, LO RICORDO PERFETTAMENTE, ERANO TUTTE SIDAM E POI ALTRE 11 DELLA FIORENTINA, ANCHE QUESTE TUTTE SIDAM…
POI UNA VOCE COMINCIO’ A DIRE….”STADIO COMUNALE DÌ BOLOGNA, DAVANTI A 38.500 SPETTATORI PAGANTI STANNO PER SCENDERE IN CAMPO LE FORMAZIONI DEL BOLOGNA E DELLA FIORENTINA, IL TERRENO E’ IN PERFETTE CONDIZIONI TEMPERATURA MITE, VENTILAZIONE NON APPREZZABILE…….AGLI ORDINI DEL SIGNOR CONCETTO LO BELLO…..DI SIRACUSA SCENDONO IN CAMPO…BOLOGNA SANTARELLI (PAUSA) CAPRA PAVINATO,(PAUSA)    MIHALIC JANICH FOGLI…(PAUSA)..E LA FOLLA INNEGGIAVA …. OOOOHHHHHHHH……..

POI, COME GUIDATO DAL DIO DEL GIOCO, MESCOLAI LE 22 FIGURINE E LE LANCIAI IN ARIA….LA MAGIA DEL GIOCO ERA INIZIATA!

MENTRE LE FIGURINE VOLAVANO IN ARIA LA MIA FANTASIA VOLAVA PIU’ VELOCE DÌ LORO…SI, PENSAI, ADESSO DIVIDO LA PARTITA IN QUATTRO SERIE DÌ LANCI, DUE PER TEMPO, FINO A QUANDO NON RIMANE ALMENO UNA FIGURINA CON LA FACCIA RIVOLTA VERSO L’ALTO E SE NE DOVESSERO RIMANERE DUE DELLA STESSA SQUADRA SONO DUE RETI SE NE RESTANO DUE DELLE DUE DIVERSE SQUADRE, FACCIO ANCORA LANCIO….LE FIGURINE LANCIATE CADDERO SULLA COPERTA, MOLTE A FACCIA IN GIU’, MOLTE A FACCIA IN SU!
RIPRESI QUELLE A FACCIA IN GIU’ E LE RIPOSI IN UN LATO DEL LETTO, MENTRE DALL’ALTRO POSI QUELLE A FACCIA IN SU E, VISTO CHE ERANO DÌ AMBEDUE LE SQUADRE LE MESCOLAI ANCORA E LE LANCIAI DÌ NUOVO IN ARIA.

CADDERO ANCORA SULLA COPERTA ED ERANO TUTTE A FACCIA IN GIU’ TRANNE UNA….ERA HAMRIN DELLA FIORENTINA, “GOOOOLL”, GRIDAI CON VOCE SOFFOCATA, INVENTANDOMI L’AZIONE CHE AVEVA PORTATO ALLA SEGNATURA, COME UN ESPERTO RADIOCRONISTA!

ERA IL PRIMO GOL DELLA MIA STORIA CON LE FIGURINE!

RIPRESI I LANCI CON DÌ NUOVO TUTTE LE 22 FIGURINE MESCOLATE E LANCIAI ANCORA SINO A CHE IL SOLO PIVATELLI RESTO’ A FACCIA IN SU’…”GOOOOLLL DEL BOLOGNA”, DISSE LA VOCE DEL CRONISTA, “AL TERMINE DEL PRIMO TEMPO IL DERBY DELL’APPENNINO E’ SULL’UNO A UNO”…..

NON RICORDO COME TERMINO’ LA PARTITA “AMICHEVOLE”, RICORDO PERO’ CHE MENTRE LANCIAVO IN ARIA LE FIGURINE COSTRUIVO IL GIOCO DEL FUTURO NEI DETTAGLI ……

E SE IL GOL LO FA IL PORTIERE?
MICA SEGNANO I PORTIERI NEL CALCIO!
DAI IL GOL AL CAPITANO, COME SE AVESSE SEGNATO UN RIGORE E SEGNI UN PUNTO AL PORTIERE COME SE AVESSE FATTO UNA GRANDE PARATA, POI AL PORTIERE CON PIU’ PUNTI ASSEGNI IL PREMIO “COMBI” COME MIGLIOR PORTIERE….. SI MA IO COME FACCIO A RICORDARMI TUTTO… DOVREI SEGNARMI DA QUALCHE PARTE TUTTE QUESTE COSE …..

FU COSI’ CHE NACQUE IL SUPER QUADERNO DELLA MIA “LEGA CALCIO”!

UN QUADERNO A QUADRETTI DÌ QUELLI TRIPLI CON LA COSTA ALTA TRE CENTIMETRI, RINFORZATA DALLA TELA, MA NON RIGIDO, SI POTEVA, INFATTI APRIRE E LE PAGINE NON SI RICHIUDEVANO, ANTIPATICAMENTE SU SE STESSE.

SFRUTTANDO LE LINEE DEI QUADRETTI COMINCIAI A DISEGNARE SULLA PAGINA DÌ DESTRA LO STEMMA DELL’ATALANTA, POI SCRISSI IL NOME DELLA SQUADRA A FIANCO E TRACCIA UNA RIGA SOTTO IL TUTTO POI A SEGUIRE I NOMI DÌ TUTTI I CALCIATORI DELLA SQUADRA DÌ CUI AVEVO LE FIGURINE, UNO PER RIGA, TUTTI INCOLONNATI E POSI UN PALLINO ACCANTO AL CAPITANO CHE ERA NOVA, IL CENTRAVANTI DELLA SQUADRA.

TERMINAI TUTTE LE 18 SQUADRE DÌ SERIE A, RICORRENDO IN ALCUNI CASI A FIGURINE DÌ CALCIATORI DÌ ALTRE SQUADRE CHE NON AVEVANO ANCORA IL QUORUM DÌ FIGURINE PER ESSERE SQUADRA …. COME FOSSERO STRANIERI …. AVULSI PER MAGLIA E REALE APPARTENENZA A QUELLA SQUADRA REALE, MA INTANTO CHE IMPORTAVA, QUELLE ERANO MIE SQUADRE, IN “MIO CAMPIONATO”….

POI CREAI IL “MIO CALENDARIO”, LO CREAI PROPRIO IO DA SOLO NON COPIANDOLO DA NULLA, IMPARANDO ANCHE A FARLO TENENDO CONTO DELLE PARTITE SULLO STESSO STADIO, OLIMPICO, SAN SIRO COMUNALE DÌ TORINO … .

TUTTO ERA PRONTO, MA PRIMA C’ERA IL PRECAMPIONATO, LA COPPA ITALIA ECC ECC   ECC…

INIZIAI COSI’ LE MIE COMPETIZIONI!

DURANTE UNA DELLE PRIME PARTITE ACCADDE UNA COSA CHE NON AVEVO PREVISTO: UNA FIGURINA, SUBITO DOPO IL LANCIO IN ARIA, RICADDE E ROTOLO’ GIU’ DAL LETTO!
MI CHINAI PER RACCOGLIERLA, NON SENZA UN CERTO DISAGIO, E LA GUARDAI, LAGGIU’ PER TERRA A FACCIA IN GIU’ E MI FECE QUASI PENA, LA PRESI E LA POSI TRA IL MUCCHIETTO DELLE “MORTE”, COSI’ CHIAMAVO QUELLE CHE CADEVANO A FACCIA IN GIU’!
POCO DOPO ACCADDE LA STESA COSA E MI CHINAI A RACCOGLIERE LA FIGURINA CHE PERO’ ERA A FACCIA IN SU’ E LA RIAMMISI TRA LE VIVE A GIOCARSI ANCORA UN LANCIO … PERO’, PENSAI, SCATENANDO LA MIA FANTASIA, NON E’ MICA BELLO CHE QUESTI “CALCIATORI” SE NE CADANO GIU’ DAL LETTO – PARDON – FUORI DAL CAMPO DÌ GIOCO, QUESTO NON VA BENE!
ED ALLORA DECISI CHE SE UNA FIGURINA CADEVA GIU’ DAL LETTO A FACCIA IN SU ERA “AMMONITA”, MENTRE, SE CADEVA A FACCIA IN GIU’, NON SUCCEDEVA NULLA!

IL BELLO DELLA COSA, MA QUESTO LO DICO OGGI, ERA CHE ALL’EPOCA LE AMMONIZIONI NON ESISTEVANO SUL CAMPO, ALMENO QUELLE EVIDENZIATE CON IL CARTELLINO GIALLO, E SPESSO ANCHE I CRONISTI NON SAPEVANO DIRE SE L’ARBITRO AVESSE REDARGUITO O AMMONITO UN GIOCATORE.

STA DÌ FATTO CHE NEL MIO “QUADERNO DELLA LEGA” OLTRE AI MARCATORI DEI GOAL A CUI ATTRIBUIVO UNA X PER OGNI RETE SEGNATA, COMPARVERO ANCHE DEI PUNTINI A SEGNALARE LE AMMONIZIONI.

A FINE STAGIONE FACEVO I CONTI ED AL PORTIERE CHE AVEVA “SEGNATO” DÌ PIU’, ASSEGNAVO IL PREMIO COMBI, AL CALCIATORE CON PIU’ GOAL ASSEGNAVO IL TITOLO DÌ CAPOCANNONIERE ED ALLA SQUADRA CON MENO “PALLINI” COMPLESSIVI ASSEGNAVO IL PREMIO DISCIPLINA!

NEL TEMPO AGGIUNSI LE SIDAM 61-62, LE E.D.I. DEI DUE ANNI E POI LE TAVER MATIC E LE STEF, FINO ALLE ULTIME USCITE, QUELLE DEL 1966.

MA LA COSA PIU’ BELLA CHE INVENTAI FU QUELLA DÌ DOTARE CIASCUNA SOCIETA’ DÌ UN FONDO CASSA, INIZIALMENTE UGUALE PER TUTTE!
ERA ENTRATO NEL MIO MONDO ANCHE IL CONCETTO DÌ VALORE MONETIZZABILE E CON ESSO ANCHE LA POSSIBILITA’ DÌ FARE CAMPAGNA ACQUISTI E CESSIONI, IL MERCATO, INSOMMA.
MI BASTO’ CONVERTIRE IN DENARO I RISULTATI SPORTIVI ED ECCO COSTRUIRSI, DAVANTI AI MIEI OCCHI, LA RICCHEZZA DELLE SOCIETA’ VINCENTI ED I TRAVAGLI DELLE SOCIETA’ CHE NON NE COMBINAVANO NESSUNA GIUSTA…

C’ERANO PREMI IN DENARO A CHI SALIVA SUL PODIO DEL CAMPIONATO A CHI VINCEVA LA COPPA ITALIA, ALLA SOCIETA’ IN CUI MILITAVANO IL MIGLIOR PORTIERE ED MIGLIOR ATTACCANTE E A CHI VINCEVA IL PREMIO DISCIPLINA, MENTRE CHI ARRIVAVA IN FONDO ALLA CLASSIFICA AVEVA POI UNA QUOTA DÌ ISCRIZIONE AL SUCCESSIVO CAMPIONATO MOLTO PIU’ SALATA SICCHE’, DÌ FATTO SI IMPOVERIVA!

AL “MIO GALLIA” LE SOCIETA’ SI INCONTRAVANO E DISCUTEVANO SU UN ACQUISTO SU UNO SCAMBIO SU UN PRESTITO.
QUANDO QUESTO ERA DECISO (IO FACEVO TUTTO, PARTE, CONTROPARTE E LEGA) AGGIORNAVO I CONTI DÌ CIASCUNA SOCIETA’!

I CALCIATORI CEDUTI, CHE CAMBIAVANO SQUADRA, ERANO, ALL’INIZIO DEI GIOCHI, PRESI E SPOSTATI FISICAMENTE DA UN “MUCCHIETTO” ALL’ALTRO.
DOPO UN PO’, PERO’ LE UNIFORMITA’ DELLE MAGLIE, CHE POI E’, ALMENO VISIVAMENTE, QUELLO CHE CREA IL CONCETTO DÌ SQUADRA, ANDAVA PERDENDOSI, PERCHE’ MAGARI IL BOLOGNA NON VOLEVA PIU’ VINICIO CHE INVECE INTERESSAVA ALLA FIORENTINA CHE MAGARI AVEVA CEDUTO ALLA ROMA PETRIS….

FU ALLORA CHE, RECUPERANDO UNA LAMETTA DA BARBA USATA DÌ MIO PADRE, COMINCIAI AD “OPERARE” LE MIE FIGURINE.
AVEVO INFATTI SCOPERTO CHE LE SIDAM ED IN GENERE UN PO’ TUTTE LE CARTONATE CHE USAVO, ERANO FATTE CON UN CARTONCINO NON COMPATTO MA FATTO A STRATI E L’ULTIMO DÌ QUESTI ERA UN SOTTILISSIMO VELO DÌ CARTA LEGGERA BIANCA, SULLA QUALE POI L’IMMAGINE VENIVA STAMPATA.

INCIDENDO MOLTO DELICATAMENTE LO STRATO SUPERFICIALE DELLA FIGURINA, RIUSCIVO A TOGLIERE QUELLA LEGGERA PELLICOLA COLORATA E POI MI ERA ABBASTANZA FACILE COLORARE, AD ESEMPIO, DÌ NERO GLI SPAZI DELLA FIGURINA DÌ VINICIO CHE ERANO ROSSE, FACENDO DIVENTARE VINICIO UN CALCIATORE ADATTO PER L’ATALANTA O L’INTER.
ALCUNE FIGURINE ERANO FACILI DA CORREGGERE, BASTAVA AGGIUNGERE IL COLORE GIUSTO AL BIANCO ORIGINALE PER TRASFORMARE UNA MAGLIA DEL LANEROSSI VICENZA IN UNA MAGLIA DEL MILAN O DELLA JUVENTUS, OPPURE AGGIUNGERE DELLE STRISCE COL PENNARELLO NERO ALLE MAGLIETTE DÌ UN CALCIATORE DEL TORINO O DEL GRANDE TORINO.

PIANO PIANO LE MIE FIGURINE SI ANDAVANO DETERIORANDO, SIA PER L’USO NEL GIOCO SIA PER LE MOLTEPLICI “OPERAZIONI” A CUI LE SOTTOPONEVO.

OVVIAMENTE RACCOGLIEVO OGNI FIGURINA CARTONATA CHE MI CAPITAVA PER LE MANI, IGNORANDO IL FATTO CHE NE AVESSI MAGARI GIA’ TRE IDENTICHE, MI ANDAVO COSTITUENDO, COSI’, UNA NOTEVOLE SCORTA DÌ “PARTI DÌ RICAMBIO”!

PUR DÌ AVERE FIGURINE NUOVE, CIOE’ DÌ CALCIATORI CHE NON ERANO PRESENTI TRA QUELLI CHE POSSEDEVO, AVEVO RAGGIUNTO UN ACCORDO CON IL MIO FORNITORE, OVVERO IL GIORNALAIO SOTTO CASA, CHE MI DAVA VOLENTIERI LA POSSIBILITA’ DÌ SCEGLIERE LA FIGURINA CHE VOLEVO, FACENDOMI ENTRARE NEL RETROBOTTEGA A “SGRUFOLARE”, TRA INCREDIBILI PILE DÌ SIDAM ED E.D.I., ALLA RICERCA DEL PEZZO MANCANTE, IN CAMBIO PERO’…. DELLA RINUNCIA ALLA PALLINA DÌ GOMMA AMERICANA!
PER ME ERA UN BELLO SCAMBIO ED ANCHE PER LUI, CREDO, VISTO CHE ME LO FACEVA FARE!

NEL FRATTEMPO RIUSCII ANCHE AD ANDARE MOLTO OLTRE IL NUMERO DÌ CALCIATORI CHE SERVIVANO PER FARE 18 SQUADRE, AMMETTENDO ANCHE UNA ROSA DÌ CALCIATORI DECISAMENTE PIU’ AMPIA IN OGNI SQUADRA, COSI’ DA DARE, AGLI ALLENATORI, LA POSSIBILITA’ DÌ SCELTA SU CHI FAR SCENDERE IN CAMPO, ESATTAMENTE COME NELLA REALTA’!

QUANDO RIUSCII AD AVERE UN NUMERO DÌ FIGURINE TALE DA POTER COSTRUIRE ALTRE OTTO SQUADRE, DIEDI VITA ANCHE AL CAMPIONATO DÌ SERIE B, INAUGURANDO ANCHE LE RETROCESSIONI DALLA SERIE A E LE PROMOZIONI DALLA SERIE B ALLA SERIE A…..

NEL 1967, QUANDO AVEVO LA BELLA ETA’ DÌ 17 ANNI, AVEVO AVUTO A DISPOSIZIONE CALCIATORI DÌ BEN 30 SQUADRE DIFFERENTI E, QUANDO NON DIFFERENTI, AD ESEMPIO IL VENZIA DELLE TAVER MATIC DEL 1967 E QUELLO DELLE EDI 61-62, GLI ELEMENTI IN COMUNE ERANO PROPRIO ZERO ED INOLTRE ALLE DISPONIBILITA’ ANDAVANO SOMMATE ANCHE LE FIGURINE E.DI. DEI MONDIALI DEL CILE, PELE’ COMPRESO!

MA NEL MIO CAMPIONATO DÌ “PELE’” NE AVEVO TRE, NON NEL SENSO CHE AVEVO DOPPIA LA FIGURINA DÌ PELE’ MA NEL SENSO CHE AVEVO TRE FUORICLASSE ASSOLUTI, FIGURINE CAPACE DÌ “GIOCATE” INCREDIBILI E DÌ SEGNARE SEMPRE GOL IN QUANTITA’ INDUSTRIALI.

UNO ERA HAMRIN, DELLA FIORENTINA, L’ALTRO ERA ZERLIN DEL PADOVA ED IL TERZO ERA CELIO, SEMPRE DEL PADOVA.

ERANO PEZZI DÌ CARTONE, MA SEGNAVANO SEMPRE LORO!

HO PERDUTO, COM MIO GRANDE RAMMARICO, I “QUADERNI DELLE MIA LEGA”, MA CREDO CHE IN ALMENO 30 CAMPIONATI GIOCATI, HAMRIN, ZERLIN E CELIO SI SIANO DIVISI ALMENO L’80 % DEI TITOLI DÌ CAPOCANNONIERE DÌ QUEI CAMPIONATI, LASCIANDO AGLI ALTRI SOLO BRICIOLE!
DEI TRE POI ZERLIN ERA IL FUORICLASSE ASSOLUTO, SEGUITO DA CELIO, MENTRE HAMRIN POTEVA CONTARE MOLTISSIMO SUI GOL SEGNATI DA ALBERTOSI CHE ERA IL PORTIERE DÌ GRAN LUNGA PIU’ “PROLIFICO” TRA TUTTI I PORTIERI! (RICORDO CHE QUANDO SEGNAVA IL PORTIERE A LUI ANDAVA LA CROCETTA PER IL PREMIO COMBI MENTRE IL GOL VENIVA ASSEGNATO AL CAPITANO DELLA SQUADRA.

CELIO E ZERLIN NON GIOCAVANO NEL PADOVA, PERCHE’ NEL PRIMO CAMPIONATO CHE ORGANIZZAI NON RIUSCII, CON LE FIGURINE CHE AVEVO DISPONIBILI AL MOMENTO A CREARE LA SQUADRA DEL PADOVA.
RICORDO PERFETTAMENTE CHE ZERLIN, MAGLIA BIANCA, FINI’ AL LANEROSSI VICENZA E CELIO MI PARE AL BARI.
IL LANEROSSI VICENZA FU LA SQUADRA CON PIU’ SCUDETTI VINTI IN ASSOLUTO E QUANDO DECISE DÌ CEDERE ZERLIN ALLA JUVENTUS, ACQUISTO’ CELIO, CONTINUANDO A VINCERE SCUDETTI!

CHE BELLO E MAGICO CHE ERA IL MIO MONDO!

MA ANCHE TECNICO, NON SOLO FANTASIA!

DOVEVO TENERE LA CONTABILITA’ DÌ ALMENO 36 SQUADRE DÌ ALMENO 15 CALCIATORI CIASCUNA, FARE LE CAMPAGNE ACQUISTI, GIOCARE TRA CAMPIONATO DÌ SERIE A, DÌ SERIE B E DI COPPA ITALIA UNA MAREA DÌ PARTITE….

QUANDO A 50 ANNI EBBI UN PROBLEMA ALLA SPALLA DESTRA, LO RICONDUSSI IMMEDIATAMENTE AI MILIONI DÌ LANCI CHE AVEVO EFFETTUATO CON LE MIE FIGURINE DA BAMBINO E DA RAGAZZO!

SMISI DÌ ESSERE MALATICCIO DOPO L’OPERAZIONE ALLE TONSILLE ESEGUITA A BOLOGNA!
ERA ESTATE PIENA ED ERA UNA ITALIA DIVERSA.   MOLTO DIVERSA.

RICORDO CHE MIA MADRE, ALLA STAZIONE DÌ BOLOGNA PARLO’ CON UN POLIZIOTTO E QUANDO IL TRENO FERMO’ A RIMINI, ALLA STAZIONE C’ERA UN GELATAIO CHE MI PORTO’ UN GELATO FREDDO AL LIMONE … DOVEVO EVITARE EMORRAGIE POSSIBILE DOVUTE AL CALDO.

EBBI, FINALMENTE UNO SVILUPPO FISICO NORMALE E MI DEDICAI AL CALCIO, QUELLO VERO, CON RISULTATI CHE MI PORTARONO AD UN PASSO DAL PROFESSIONISMO.

MA IL “MIO MONDO”, CHE PURE ERA TALMENTE EVOLUTO NEL TEMPO,DA PASSATEMPO DÌ UN BAMBINO FANTASIOSO E MALATICCIO, AD ESERCIZIO DÌ GESTIONE AZIENDALE PER UN RAGAZZO FREQUENTATORE DÌ UN LICEO, NON CAMBIO’!

NATURALMENTE “IL MIO MONDO” CON LE FIGURINE ERA SOLO MIO, CON UNA UNICA ECCEZIONE AMMESSA, QUELLA DÌ MIO FRATELLO MAGGIORE (4 ANNI PIU’ DI ME) CHE, ESSENDO TIFOSISSIMO DELLA FIORENTINA, AVEVA PRETESO DÌ GESTIRE LUI LA SUA FIORENTINA, SIA NELLA SCELTA DELLA SQUADRA DA SCHIERARE SIA NELLA SCELTA DEI CALCIATORI DA ACQUISTARE E CEDERE.

MALGRADO LE SUE ATTENZIONI LA FIORENTINA NON VINSE MAI NIENTE E LA RAGIONE, PROBABILMENTE, ERA CHE LUI NON RIUSCIVA A SCINDERE MONDO REALE DAL MONDO DELLE FIGURINE, PER CUI CERCAVA PIU’ DÌ PORTARE LA REALTA’ TRA LE FIGURINE CHE LE FIGURINE FUORI DALLA REALTA’!

COME SPESSO SUCCEDE NELLA VITA, NON RICORDO PIU’ QUALE FU L’ULTIMA PARTITA GIOCATA NEL “MIO MONDO”, LASCIAI TUTTO IN UNA SCATOLONE QUANDO, VINTO IL CONCORSO, MI PRESENTAI  IL 20 OTTOBRE 1969 AI CANCELLI DELL’ACCADEMIA AERONAUTICA DÌ POZZUOLI DA DOVE USCII QUALCHE ANNO DOPO TENENTE PILOTA IN SERVIZIO PERMANENTE ED EFFETTIVO.

LA SCATOLA MAGICA DEL “MIO MONDO” FU FATTA SPARIRE DA MIA MADRE CHE, CONSIDERANDOLA “ROBA DA BAMBINI”, VIDE BENE DÌ ALIENARLA IN BIDONE DELLA SPAZZATURA ASSIEME AI MIE ALBUMS PANINI E A MOLTISSIMI TEX….

SUCCEDE CHE A VOLTE I GENITORI NON CAPISCANO L’IMPORTANZA DEGLI OGGETTI DELL’INFANZIA… SUCCEDE MOLTO SPESSO!

PER FORTUNA I MIEI RICORDI SONO VIVISSIMI E LA MIA MEMORIA E’ ANCORA BUONA E RIPENSARE AI QUEI GIOCHI MI RIEMPIE DÌ NOSTALGIA E DÌ MELANCONICA TENEREZZA, PERCHE’ IL MONDO CAMBIA E NULLA SARA’ MAI COME E’ STATO.


----------------------------  O  ------------------------

2

"I RICORDI NON ANDRANNO MAI PIU' SMARRITI"

DI GAETANO CITRO CALABRESE

(PROLOGO)

QUESTA INGUARIBILE FEBBRE DELLE FIGURINE!
SE E' VERO, COME E' VERO, CHE PASSIAMO DALLA MISTICA CONTEMPLAZIONE ALLA SFRENATA RICERCA DI QUESTE IMMAGINI, E’ SOLO PERCHE’ ESSE CI RIPORTANO AD UN TEMPO, PURTROPPO, IRRIMEDIABILMENTE PERDUTO E LONTANO....MA VIVO, ANZI ARDENTEMENTE VIVO NEL NOSTRO ANIMO.

 

L'ESERCIZIO COMMERCIALE CON LA SERRANDA ABBASSATA E' IL BAR GESTITO DALLA MAMMA DI GAETANOCITRO,  LA SIGNORA, OGGI 87ENNE, E' QUELLA CHE APPARE DAVANTI ALLA PORTA CON LE BRACCIA CONSERTE, MENTRE PASSA IL GIRO D'ITALIA!
PER CURIOSITA' SPORTIVA IL CORRIDORE NELLA FOTO E' SIMONE FRACCARO DURANTE L'ATTRAVERSAMENTO DELLA CITTADINA DI PAGANI, PREVISTO NELLA TAPPA SALERNO-TERRACINA DEL GIRO D'ITALIA DEL 1983.
ERA IL 20 MAGGIO E LA TAPPA FU VINTA SUL TRAGUARDO DI TERRACINA DA GUIDO BONTEMPI CON MAGLIA ROSA GIUSEPPE SARONNI CHE AVREBBE POI VINTO IL GIRO! 

 

HO VARCATO LA SOGLIA DEI SESSANTA E, DA SEMPRE, LE FIGURINE HANNO COSTITUITO PER ME UN IRRESISTIBILE RICHIAMO.
SIN DALLA PIU' TENERA ETA' HO SACRIFICATO, A QUESTI MAGICI "SANTINI" SPORTIVI E NON, QUASI TUTTI I MIEI ESIGUI SOLDINI DI BAMBINO!

OGGI LA PASSIONE, CIECA ED IRRAZIONALE, E' DI NUOVO ESPLOSA IN ME E MI RITROVO A DRAGARE I SITI SPECIALIZZATI IN FIGURINE D’EPOCA, A CACCIA DI QUALCHE COSA CHE MI FACCIA TORNARE DI NUOVO BAMBINO, QUANDO LA VITA ERA LEGGERA ED I PROBLEMI ERANO RIMETTERE A POSTO LA CATENA DELLA BICI O RIPARARE LA BUCATURA AL SUPER SANTOS, INSEPARABILE COMPAGNO DI LUNGHISSIMI POMERIGGI TRASCORSI IN INFINITE PARTITELLE CHE TERMINAVANO POI, A SERA CON PUNTEGGI INCREDIBILI!

RICORDO CHE MIA MADRE, GIOVANE VEDOVA, PER MANDARE AVANTI LA BARACCA GESTIVA IL BAR CHE ERA STATO DI MIO PADRE, PREMATURAMENTE SCOMPARSO.
NEL LOCALE, O MEGLIO DAVANTI AD ESSO C'ERANO ANCHE I DISTRIBUTORI DI PALLINE DI GOMMA DA MASTICARE COLORATE, PROPRIO QUELLO CHE EROGAVANO ANCHE LE AMBITISSIME FIGURINE CARTONATE, 10 LIRE UNA GOMMA ED UNA COLORATISSIMA FIGURINA!
QUANTE CICCHE HO BUTTATO DOPO DUE MORSI, SOLO PERCHE' LO SCOPO ERA SOLO QUELLO DI AVERE UN'ALTRA DELLE AMBITISSIME FIGURINE! 

RICORDO CON PRECISIONE L’ANSIA CHE MI PROCURAVA L’ATTESA DELL’ARRIVO DEL PROPRIETARIO DELLA MACCHINETTA, IL SIGNOR SALVATORE, CHE, BONTA' SUA, QUANDO DOVEVA SETTIMANALMENTE RIFORNIRLA E DIVIDERE IL GUADAGNO CON MIA MADRE, VENIVA LETTERALMENTE ASSEDIATO DA ME E DA MIO FRATELLO CHE, OVVIAMENTE, QUASI GLI IMPONEVAMO DI REGALARCI QUALCHE DECINA DI FIGURINE CHE, UNA VOLTA VINTA LA SUA RESISTENZA, PERALTRO BLANDA, POTEVAMO ADDIRITTURA SCEGLIERE ACCURATAMENTE, SCARTANDO LE MENO GRADITE E GLI INEVITABILI DOPPIONI.
 IL DISTRIBUTORE ERA POSIZIONATE, COME HO DETTO, FUORI DEL LOCALE E SPESSO ERA OGGETTO DI "ATTACCO" DI QUALCHE RAGAZZINO SENZA COSCIENZA CHE PER RUBARE QUALCHE GOMMA ROMPEVA IL PLEXIGLAX FACENDO FINIRE SUL SELCIATO MOLTE PALLINE DI GOMMA.
QUALCHE VOLTA ERA ADDIRITTURA CADUTO A TERRA TANTO CHE ERA STATO ANCORATO AL MURO CON DELLE CATENE, MA UNA SERA RIMASERO SOLO LE CATENE ED IL DISTRIBUTORE SCOMPARVE NEL NULLA!
POI PER FORTUNA DOPO QUALCHE GIORNO SALVATORE PROVVIDE A RIMETTERNE UN'ALTRA!

DI QUELLE TANTE FIGURINE CARTONATE CHE AVEVO, NON ME NE E' RESTATA NEMMENO UNA, TUTTE INEVITABILMENTE VOLATILIZZATE, MAGARI GETTATE, QUALCHE ANNO, DOPO NEL FONDO DI UN SECCHIO DI IMMONDIZIA, PERCHE' NON PIU' ADATTE AD UN RAGAZZO NON PIU' BAMBINO!
HO UN GRANDE RIMPIANTO PER NON AVER SAPUTO CUSTODIRE AL MEGLIO QUELLO CHE OGGI AVREI SERBATO CERTAMENTE CON MAGGIORE SCRUPOLO ED ATTENZIONE.

IL RIPENSARE AL MIO MONDO DÌ BAMBINO ED ALLE MIE INSEPARABILI FIGURINE MI FA VENIRE IN MENTE UN EPISODIO CHE CREDEVO SVANITO NELLE NEBBIE DELLA MEMORIA E CHE INVECE E’ RIEMERSO DA ESSE CON PROROMPENTE VITALITA’:

ERA TEMPO DI CALZONCINI CORTI TUTTO L'ANNO, DI GINOCCHIA SBUCCIATE, DI STRADE ASSOLATE E DESERTE NELLE ORE ROVENTI  DEI POMERIGGI DEL  SUD CHE PURE  SI TRASFORMAVANO IN STADI IMPROVVISATI SE COMPARIVA IL SOLO RUMORE DI UN PALLONE CHE RIMBALZAVA, DI SALE CINEMATOGRAFICHE CHE CON 100 LIRE DAVANO DUE FILM, DI PASSEGGIO DOMENICALE SPERANZOSO E, SOPRATUTTO, ERANO TEMPI DI FIGURINE VARIOPINTE ED AGOGNATE CHE CI AIUTAVANO A SOCIALIZZARE, A FARE "AFFARI" ATTRAVERSO LA PRATICA DEGLI SCAMBI DEI DOPPIONI E RIUSCIVANO PERSINO AD ABBATTERE OGNI BARRIERA SOCIALE, PERCHE' ALL'EPOCA CE N'ERANO ECCOME DI QUESTE BARRIERE!

DAVANTI AL CINEMA "ASTRA" DI PAGANI (OGGI ABBATTUTO ED AL SUO POSTO ESISTE UN ORRENDO E TRISTE PALAZZONE) NOI BAMBINI CI RITROVAVAMO PER GIOCARE AD ACCOSTARE LE MONETINE PIU' VICINO POSSIBILE AL MURO, AD "APPIZZARE" LE ANANAS (COSI' CHIAMAVAMO I FICHI D'INDIA) CON UN AFFILATO COLTELLO DA UNA CERTA ALTEZZA, POI IL COLTELLO ANDAVA SOLLEVATO PERPENDICOLARMENTE E SE IL FRUTTO CENTRATO NON SI SFILAVA DALLA LAMA, ALLORA I FRUTTI ERANO DI CHI AVEVA EFFETTUATO IL TIRO, ALLA CAVALLINA, METTENDO A REPENTAGLIO LE VERTEBRE DORSALI, BEATA INCOSCIENZA, E POI SI GIOCAVA MOLTISSIMO CON LE FIGURINE!

IL GIOCO PIU' PRATICATO ERA QUELLO IN CUI SI METTEVA UN MAZZETTO DI FIGURINE, PIU' O MENO COSPICUO, CHE VENIVA PIEGATO ED APPOGGIATO IN TERRA O SU UNA SUPERFICIE PIU' COMODA E POI CON IL PALMO DELLA MANO RACCOLTO QUASI A CUCCHIAIO BISOGNAVA BATTERE SULLA SUPERFICIE CON FORZA VICINO AL MAZZETTO DI FIGURINE PER FAR SI CHE LO SPOSTAMENTO D'ARIA CONSEGUENTE, QUANDO VENIVA ASSESTATO BENE (E NON ERA PER NIENTE FACILE) FACESSE RIBALTARE UNA O PIU' FIGURINE DEL MAZZETTO, QUANDO NON IL MAZZETTO STESSO. 
TUTTO QUELLO CHE SI GIRAVA ERA IL BOTTINO DEL GIOCATORE CHE AVEVA "TIRATO"!
IL GIOCO, POPOLARISSIMO ALLORA, OGGI SCOMPARSO, SI CHIAMAVA "SCUOPPO"!

IN VERITA' LO "SCUOPPO" NON MI AVEVA MAI ATTRATTO MOLTO, SIA PERCHE' MI PAREVA UN SACRILEGIO PIEGARE UN MAZZETTO DI FIGURINE, CHE SAREBBERO POI RIMASTE SEGNATE PER SEMPRE DALLA PIEGATURA, SIA PERCHE' NON AVEVO MANI A PALANCA E LE VINCITE SAREBBERO STATE CERTAMENTE MOLTO INFERIORI ALLE PERDITE.
ALLORA AVEVO SOLO 10-11 ANNI E NON RIUSCIVO PROPRIO A VINCERE IL VINCOLO, CHE MI ERO IMPOSTO DA SOLO, NATURALMENTE, PER CUI LA FIGURINA ERA SACRA E ANDAVA CUSTODITA RELIGIOSAMENTE.
ANCHE OGGI PER ME E' COSI', NON SONO CAMBIATO IN QUESTO NEGLI ANNI. 

TUTTAVIA, UN GIORNO HO DOVUTO VINCERE LA MIA FISIMA, FORSE ECCESSIVA, E PARTECIPARE AD UNA ASPRA CONTESA, VISTO CHE MI ACCORSI CHE NEL MAZZETTO DA RIBALTARE ERA IN GIOCO LA FIGURINA DI MAURO GATTI, ONESTO, ARCIGNO E COMBATTIVO DIFENSORE DEL NAPOLI DI SIVORI E ALTAFINI, ANNO 65-66.      ERA UNA FIGURINA PIUTTOSTO RARA DELL'ALBUM PANINI DI QUELL'ANNO ED UNA DELLE MIE POCHE MANCANTI!
PROVAI, PRIMA DI ADERIRE ALLA TENZONE, A SCAMBIARE LA FIGURINA CON BEN 45 FIGURINE "VALIDE", FIGURINE CHE SERVIVANO PER RICHIEDERE DEI REGALI , MA IL MIO COMPETITORE NON VOLLE SENTIRE RAGIONI E QUINDI DOVEVO PER FORZA GIOCARE SE VOLEVO "AZZECCARE" GATTI NELLA SUA CASELLA DI "ALTRI TITOLARI" NELLA PAGINE DEL NAPOLI DI QUELLA ANNATA.
NEMMENO LA PROPOSTA DI FARMI SOSTITUIRE NEL GIOCO DA UN ALTRO RAGAZZO PIU' ABILE EBBE DEGNA CONSIDERAZIONE, PER CUI, ALLA FINE, MI DOVETTI CIMENTARE IN QUESTO GIOCO CHE FINO AD ALLORA AVEVO SOLO GUARDATO DISTRATTAMENTE GIOCARE, CON ARIA, CONFESSO, DI SUPERIORITA'!

ARRIVO' IL MIO M OMENTO, LA FIGURINA DI GATTI ERA ANCORA NEL MAZZETTO, I MIEI AMICI SI SCAMBIARONO UNA OCCHIATA IRONICA E AFFIORARONO SORRISETTI DI COMPATIMENTO, COMUNQUE ORAMAI DOVEVO "TIRARE" E LO FECI.
PARTI' DAL PALMO DELLA MIA MANO SINISTRA UN COLPO NON CERTO PODEROSO E COME POTEVA MAI ESSERLO CONSIDERANDO CHE NON AVEVO NESSUNA PRATICA DI QUEL GIOCO?

ACCADDE L'IMPREVEDIBILE: LE FIGURINE SI SOLLEVARONO SOLO DÌ POCO, PRONTE A RICADERE SU SE STESSE, SENZA ASSOLUTAMENTE UNA SOLA POSSIBILITA’ DÌ VEDERLE RIBALTARE!
MA QUALCHE SCONOSCIUTA DIVINITA', ALLA QUALE SARO' SEMPRE GRATO, MANDO' UNA IMPROVVISA FOLATA DI VENTO CHE TRASFORMO’ IL MORTO E BREVE VOLO CHE IL MIO COLPO AVEVA TRASMESSO ALLE FIGURINE, IN UN VOLO ACROBATICO SENZA PARI CHE LE GIRO' PRATICAMENTE TUTTE  E LE SCOMPAGINO’, METTENDO IN EVIDENZA LA FIGURINA DÌ MAURO GATTI CHE PAREVA SORRIDERMI!

CHIARAMENTE LE CONTESTAZIONI FURONO IMMEDIATE E VEEMENTI, MA FECI PRESENTE CHE COSI' COME UN CIUFFO D'ERBA, UNA POZZANGHERA, UN SASSOLINO O, APPUNTO UN ALITO DI VENTO, PUO' CAMBIARE LA TRAIETTORIA DI UN PALLONE E CONSEGUENTEMENTE ANCHE L'ESITO DI UNA PARTITA, SENZA CHE NESSUN ARBITRO POSSA AVERE NULLA DA RIDIRE, ALLO STESSO MODO LA MIA VINCITA ERA REGOLARISSIMA ED INCONTESTABILE!
QUESTA RISPOSTA MISE PRATICAMENTE TUTTI A TACERE E PER UN ATTIMO RESTARONO ATTONITI E FU PROPRIO COSI' CHE, FORTE DELLA MIA ABITUDINE ALLA “SOPRAVVIVENZA DÌ STRADA”, PRIMA CHE CI RIPENSASSERO, RACCOLSI TUTTE LE FIGURINE VINTE (GATTI PER PRIMO) E MI DILEGUAI IN MEN DI UN AMEN!

COME CI SEMBRAVA LEGGERA, TANTO LEGGERA E TUTTA IN DISCESA, ALLORA LA VITA!

MA IL MIO MONDO NON E’ SOLO L’INFANZIA O LA PRIMA GIOVINEZZA, E’ ANCHE IL PRESENTE, FATTO DÌ LAVORO DÌ IMPEGNO SPESO TUTTO A FAVORE DEI RAGAZZI, VISTO CHE, ESSENDO DIVENUTO UN INSEGNANTE ED ANCHE ALLENATORE DI CALCIO DILETTANTI, SONO SEMPRE A CONTATTO CON LA GIOVENTU’!

I RAGAZZI DÌ OGGI HANNO MOLTI MEZZI A DISPOSIZIONE PER CRESCERE DIVERTIRSI ED IMPARARE, MEZZI CHE NOI NEMMENO POTEVAMO IMMAGINARE ALLA LORO ETA’, ED HANNO ANCORA LE FIGURINE A FAR LORO COMPAGNIA, MA, PRESI DA COLORI E SUONI E LUCI VORTICANTI NEI LORO  CELLULARI, PERDONO RAPIDAMENTE L’USO DELLA FANTASIA E CON ESSO IL PIACERE DÌ SOGNARE CON LE FIGURINE.

TERMINATE LE ELEMENTARI IL COLLEZIONISMO E LA FIGURINA SEMBRANO TRAMONTARE DIETRO LE ALTE MONTAGNE DELL’INFORMATICA E DELLA COMUNICAZIONE A TUTTO CAMPO!

ALLORA ADDIO SOGNI, ADDIO FANTASIE, ADDIO PICCOLO MONDO DÌ IMMAGINI!

CERTO CHE QUELLA MAGIA NON POTEVA DISPERDERSI NEL SOLO TEMPO DELLA PRIMA INFANZIA, HO PROVATO A MOSTRARE LORO ALCUNI DEI MIEI VECCHI ALBUM DÌ FIGURINE ED HO VISTO COME, LA SOTTO LA CENERE DÌ UN TEMPO ORMAI PASSATO, COVASSE INVECE ANCORA LA BRACE PRIMA, IL FUOCO POI, DEL LORO “MONDO PRIMORDIALE”, DOVE L’ALBUM E LA FIGURINA ERANO ANCORA RE E REGINA!

HO RISVEGLIATO, ATTRAVERSO LE “COSE” ANTICHE DEL “MIO MONDO DÌ FIGURINE”, IL DESIDERIO DÌ SAPERE, LA VOGLIA DÌ CONOSCERE, LA BRAMOSIA DÌ CALARSI IN UN “MONDO” TANTO DISTANTE DA APPARIRE ANCOR PIU’ AFFASCINANTE DEL MONDO PRESENTE!

DOMANDE E DOMANDE SU QUESTO E SU QUELLO MI HANNO ASSALITO COME NELLA NOTTE I DUBBI ASSALIRONO AMLETO!

VEDETE RAGAZZI …LE FIGURINE SONO DÌ CARTA, SE LE CONSERVATE BENE, RESTANO, LE RITROVATE FEDELI DOVE LE AVETE RIPOSTE, PRONTE A FARVI SOGNARE I TEMPI LONTANI.

LE IMMAGINI CHE SCORRONO SUI VOSTRI I-PHON SONO VOLATILI, BIZZARRE, COME PIUME AL VENTO, NON LE FERMI NON LE RITROVI PIU’, NON LE PUOI COLLEZIONARE E TENERE A TUA DISPOSIZIONE PER TUTTA UNA VITA E CON ESSE SE NE VA IL VOSTRO PASSATO GIOVANE!

IN QUESTO STRANO PERIODO, COSI' POVERO DI MODELLI POSITIVI, DI GRAVE SCORAMENTO E DÌ CRISI E’ STATO UN MOMENTO DÌ GRANDE POSITIVITA’ PER QUESTI DISORIENTATI RAGAZZI.
INUTILE DIRE CHE A TUTTI HO CONSIGLIATO DI AFFACCIARSI AL MONDO DELLA FIGURINA E FARSENE CATTURARE DOLCEMENTE PERCHE’ COSI’, CERTAMENTE, I RICORDI NON ANDRANNO MAI PIU' SMARRITI!

 

------------------------------ O -----------------------------

3

"TRA LE NEBBIE DEL NIZZA-LINGOTTO"

DÌ CLAUDIO G. DA TORINO


 

TRA LE NEBBIE DEL QUARTIERE OPERAIO NIZZA-LINGOTTO DI TORINO, CINQUANTASEI ANNI FA “INCONTRAI” LE MITICHE FIGURINE DI CARTONE DELLA SIDAM. 

AVEVO SEI, SETTE ANNI E COME TANTI QUANDO AVEVO UNA MONETA DA DIECI LIRE, LA INTRODUCEVO NELLA  MACCHINETTA (PREFERITA) DISTRIBUTRICE DI “CICLES” (PAROLA CHE IN PIEMONTE SIGNIFICA GOMMA DA MASTICARE E DERIVANTE FORSE DA CHEWINGUM O PIÙ PROBABILMENTE “CICCA”): RUOTAVO QUINDI UNA LEVETTA/MANIGLIETTA DI UN GIRO E DA UNO SPORTELLINO METALLICO RACCOGLIEVO LA SFERA COLORATA DI GOMMA CHE ERA SCESA MENTRE CONTEMPORANEAMENTE, DA UNA FESSURA, ERA SPUNTATA LA FIGURINA CARTONATA DA ESTRARRE DEL TUTTO  E CUSTODIRE GELOSAMENTE O DESTINARE AL GIOCO CON I COMPAGNI.
SOPRATTUTTO QUANDO SI ANDAVA ALL’ORATORIO O AL CATECHISMO ALLA CHIESA DELLA COLLEGIATA DI SAN GIUSEPPE, SI RIUSCIVA A TROVARE IL TEMPO E IL MODO PER GIOCARE A FIGURINE O A BIRILLE, LE BIGLIE VARIOPINTE DI VETRO: IN UNA TASCA LE PRIME, NELL’ALTRA LE SECONDE. 

EPPERÒ SOLO LE FIGURINE, O “FIGIU” IN GERGO LOCALE, ERANO VERA E PROPRIA MERCE DI SCAMBIO TRA NOI BAMBINI. 

FRA LE DIVERSE POSSIBILITÀ DI SCELTA TRA AEREI, ARMI, CICLISTI E CALCIATORI, SI SCEGLIEVA QUASI SEMPRE LA “MACCHINETTA” CONTENENTE QUESTI ULTIMI. 

DI ALBUM  PER RACCOGLIERE LE CARTONATE NON NE HO MAI VISTI E QUASI NESSUNO LI CERCAVA O RICHIEDEVA. SALVO FORSE I FORTUNATI CHE SUL RETRO DI UNA  FIGURINA TROVAVANO LA SCRITTA “HAI VINTO UN ALBUM”. QUASI SEMPRE INVECE,  IL PREMIO CONSISTEVA IN VINCITA DI CARAMELLE.

 

SI GIOCAVA IN GENERE CON I CALCIATORI E NEI MAZZETTI SI MISCHIAVANO DIVERSE ANNATE DI EDIZIONE, UNA ADDIRITTURA DI ALCUNI ANNI PRECEDENTI CHE, SUL RETRO, NON RIPORTAVA NESSUNA SCRITTA, NEPPURE IL NOME DELL’EDITRICE, SOLO MUTO E GRIGIO CARTONE. 

I GIOCHI CON LE CARTONATE ERANO DUE: A “MURO” O A “COPRIRE”. 

SI GIOCAVA CON UN AMICO NEGLI AMPI ANDRONI DELLE VECCHIE CASE OPERAIE CHE SORGEVANO VICINO ALLA FIAT, IN GENERE QUANDO PIOVEVA. NEI MIEI RICORDI LA FIGURINA È ACCOSTATA AL GRIGIO E FERROSO  TEMPO AUTUNNALE, POI AGLI UGGIOSI E FREDDI POMERIGGI DEI MESI DEL PERIODO SCOLASTICO. 

IL GIOCO “A MURO” CONSISTEVA IN UN SINGOLO LANCIO DI UNA FIGURINA A TESTA, CON VITTORIA DI CHI SI AVVICINAVA DI PIÙ AL MURO, APPUNTO.
NEL SECONDO GIOCO, A “COPRIRE” LA POSTA ERA ASSAI PIÙ SOSTANZIOSA; OGNI GIOCATORE, MAZZETTO DI FIGURINE ALLA MANO, SI ALTERNAVA AL LANCIO SEMPRE VERSO IL MURO, AD OLTRANZA,  SINO A QUANDO UNA FIGURINA ANDAVA A COPRIRE, ANCHE SOLO IN PICCOLISSIMA PARTE,  UNA DELLE “CARTONATE” GIACENTI SUL CAMPO DI GARA.
CHI “COPRIVA” PER PRIMO VINCEVA TUTTO. 

GLI ANGOLI SMUSSATI DI MOLTE FIGURINE ANCORA IN CIRCOLAZIONE, SONO A MIO AVVISO TESTIMONIANZA DI QUESTI LANCI “AL MURO” DI ALLORA: ANGOLO DEL “CARTONCINO” ILLUSTRATO TRA INDICE E MEDIO, COLPETTO DI POLSO E VIA, LA FIGURINA RUOTAVA VERSO LA SUA META, COME UN MISSILE CHE DI LI’ A POCO CI PORTERÀ NELLO SPAZIO. 

A METÀ DEGLI ANNI 60 SI IMPONGONO DEFINITIVAMENTE FIGURINE DI PIÙ PICCOLO FORMATO E CAMBIANO COSÌ ANCHE I SISTEMI DI GIOCO. 

ALCUNI DI QUESTI, LEGGO DAI RICORDI DI UN COETANEO DEL SUD ITALIA, ERANO PROPRIO GLI STESSI ED ERANO CONOSCIUTI, DA NOI TORINESI, COME GIOCO “A SOFFIO” E A “SCHIAFFO” CON IL PALMO DELLA MANO A CONCHIGLIA E ALZATA DELLE FIGURINE COL VUOTO D’ARIA CREATO. 
AGGIUNGO IL GIOCO DEL “PALIGIA” O SEMPLICEMENTE “LIGIA”, UN PEZZO DI MARMO PIATTO, TONDEGGIANTE E SMUSSATO, LARGO UN PALMO DI MANO CHE NOI, RAGAZZI ORMAI, CI PROCURAVAMO NEI NUMEROSI CANTIERI EDILI CHE PULLULAVANO NELLA PERIFERIA DELLA CITTÀ IN ESPANSIONE.
IL GIOCO DEL “LIGIA” SI DISPUTAVA CON PIÙ PARTECIPANTI, SUL PRIMO MARCIAPIEDE TROVATO.
RICORDA IL GIOCO DELLE BOCCE MA, INVECE DEL BOCCINO, SI AVEVA COME BERSAGLIO IL MAZZETTO DI FIGURINE PUNTATE IN PALIO E DEPOSITATE SU DI UNA LINEA DI UNA DECINA DI CENTIMETRI TRACCIATA SUL CATRAME DEL MARCIAPIEDE CON UN COCCIO DI MATTONE.
LA LINEA DI TIRO ERA AD UNA VENTINA DI PASSI, SEMPRE TRACCIATA COL COCCIO PER L’INTERA LARGHEZZA DEL MARCIAPIEDE. TIRAVA PER PRIMO CHI DAL MAZZETTO DI FIGURINE IN PALIO, SI AVVICINAVA DI PIÙ A QUESTA LINEA CONOSCIUTA COME “MARE”, TERMINE DERIVANTE FORSE DA “MADRE” IN PIEMONTESE, PER INDICARE LA FASE INIZIALE DEL GIOCO. 

I PIÙ BRAVI, I CECCHINI, COLPIVANO AL PRIMO TIRO IL MAZZETTO CREANDO UNA NUVOLA SVOLAZZANTE DI FIGURINE. 

PER LE FIGURINE RIMASTE IN GIOCO, SULLA LINEETTA QUINDI, I TIRI SUCCESSIVI ERANO PIÙ RAVVICINATI; SI TIRAVA,INFATTI, DAL PUNTO DOVE SI ERA FERMATO IL “PALIGIA” NEL LANCIO PRECEDENTE.
QUESTI TIRI RAVVICINATI SPESSO CAUSAVANO ALLE FIGURINE SERI DANNI. 

SI GIOCAVA  OLO CON I CALCIATORI.
LE FIGURINE DIDATTICHE NON SI GIOCAVANO MA SI SCAMBIAVANO E SI TENEVANO PER LE “RICERCHE” SCOLASTICHE DI SCIENZE, GEOGRAFIA E STORIA. 

ARRIVAVA L ‘ESTATE, LA SCUOLA CHIUDEVA, SI ANDAVA IN CAMPAGNA O AL MARE E DALLE FIGURINE SI PASSAVA AI GIORNALINI (ORA CHIAMATI FUMETTI O COMICS) CHE FINALMENTE SI POTEVANO LIBERAMENTE (NON TUTTI PERÒ) LEGGERE E “GIOCARE” ANCH’ESSI, A “SETTE E MEZZO” CON LE CARTE. 

COL TEMPO, MA SEMPRE NEL TEMPO DELLA MIA INFANZIA, LA PALLINA DI GOMMA AMERICANA CON FIGURINA ABBINATA VENIVA “SUPERATA”: SOTTILI BARRETTE IN CONFEZIONI SIGILLATE DI CHEWINGUM ERANO SUBENTRATE: L’EPOCA DEL CONTENITORE, DELL’IMBALLO, DELLA CONFEZIONE ERA COMINCIATA. 

C’ERA UNA VOLTA… LA FIGURINA DI CARTONE, COME PER MAMMA C’ERA LA BORSA A RETINO DI CORDA PER LA SPESA. SIAMO ANCORA NELLA PRIMA METÀ ANNI 60, PRESTO LA CINGHIA ELASTICA CON FERMAGLIO SOSTITUIRÀ LA CARTELLA, LA PENNA BIRO INTANTO È GIÀ SUBENTRATA AL PENNINO E… GLI INSEGNANTI DEVONO INIZIARE A FARSENE UNA RAGIONE. 
ORMAI ALLA SOGLIA DEGLI ANNI 70, FORSE LANCIATO DALLA GUERRA IN VIETNAM, VIEN DI MODA IL TASCAPANE MILITARE PER PORTARE I LIBRI ED ORA, ECCOCI NELL’ERA DELLO ZAINETTO E DEL TROYLER. 

MEMORIE D’IMMAGINI… MA A VOLTE, GUARDANDO UNA “VECCHIA SIDAM” MI ASSALE FORTE IL RICORDO DEGLI ODORI, CHE IL TEMPO E LA NOSTALGIA HANNO TRAFORMATO IN PROFUMO: QUEL NOSTALGICO PROFUMO DI INCHIOSTRO E DI LEGNO DEI VECCHI BANCHI DI SCUOLA COI LORO CALAMAI E QUELLO DELLA BIANCA COLLA CON LA QUALE ATTACCAVAMO LE NOSTRE AMATE FIGURINE, COMPAGNE CHE CI HANNO RALLEGRATI E ACCOMPAGNATI IN ANNI DI PROFONDI CAMBIAMENTI. 

 

 

 ------------    o    ------------


4

" LO STADIO PIU' BELLO E FANTASTICO DEL MONDO: IL PAVIMENTO DI CASA MIA"

DI MARIO ZANETTI

 

LA PRIMA PARTITA DI CALCIO TRASMESSA DALLA RAI IN TELEVISIONE FU NELL'ORAMAI LONTANO 31 DICEMBRE 1955 E LA PARTITA ERA NAPOLI - FIORENTINA, GIOCATA SUL CAMPO NEUTRO DI ROMA ESSENDO QUELLO DEL NAPOLI, L'ARTURO COLLANA DEL VOMERO, SQUALIFICATO.

AVEVO ALLORA POCO PIÙ D 6 ANNI E VIDI QUELL'INCONTRO CON MIO PADRE E MIO ZIO. 

MI ENTUSIASMAI MOLTISSIMO PER LA PARTITA MA MI ACCORSI DI AVERE IMMEDIATA SIMPATIA PER LA FIORENTINA (ERA L'ANNO DEL 1° SCUDETTO DELLA VIOLA):JULINHO, MONTUORI, VIRGILI, CHIAPPELLA... 

FU GRANDE AMORE "A PRIMA VISTA" E, DA ALLORA, SONO RIMASTO TIFOSISSIMO DELLA FIORENTINA; CERCAVO QUALSIASI RIFERIMENTO DELLA VIOLA:FOTO, ARTICOLI, GIORNALI, RIVISTE E, SOPRATTUTTO, FIGURINE. 

MA L'AMORE PER LE FIGURINE NON ERA NATO CON QUELLO DELLA FIORENTINA, ERA,SOLO DA POCO, GIA' SBOCCIATO. 

LA PRIMA COLLEZIONE CHE ANCORA RICORDO CON GRANDE EMOZIONE ERA DI DISCHETTI DI METALLO DIAMETRO 3cm CONTENUTI NELLE CIOCCOLATINE FERRERO. 

ERANO RAFFIGURATI, IN SERIGRAFIA, I GIOCATORI DELLE SQUADRE DI SERIE A.
ERA IL 1956. 

GIRAVO TUTTO IL GIORNO CON QUESTI DISCHETTI IN TASCA (CALZONCINI CORTI) PRONTO A SCAMBIARE QUELLI DOPPI CON QUELLI CHE MI MANCAVANO. 

PRATICAMENTE VERSO LA FINE DELL'ANNO SCOLASTICO (1° ELEMENTARE) AVEVO TERMINATO TUTTA LA COLLEZIONE: BELLISSIMI.

QUALCHE ANNO DOPO SCOPRII, PER PURO CASO, DEI DISTRIBUTORI DI FIGURINE ALL'ESTERNO DI ALCUNI BAR DEL MIO PAESE.
METTEVI DIECI LIRE NELLA FESSURA APPOSITA E TI USCIVA LA FIGURINA CARTONATA DEL GIOCATORE E 2/3 GOMME DA MASTICARE: UNA FAVOLA. 

ERANO DELLE BELLISSIME FIGURINE STAMPATE IN BIANCO/NERO CARTONATE E CON LE INDICAZIONE SUL RETRO DEL GIOCATORE RAFFIGURATO. 

MI EMOZIONO ANCORA AL RICORDO.
CHE BELLE, CHE MERAVIGLIA. 

L'EDIZIONE ERA CARDMASTER: HAMRIN, LOJACONO, MONTUORI, SIVORI, CHARLES, SCHIAFFINO E ANCORA TANTI ALTRI...

POI ARRIVERANNO LE SIDAM (SEMPRE CON DISPENSER) CARTONATE A COLORI. 

LE PRIME NELL'ANNO 59/60 ACQUARELLATE; MOLTO BELLE PER QUEI TEMPI. SEGUIRONO POI LE ALTRE SIDAM. 

QUELLE DEL 61/62 VERAMENTE BELLISSIME, FOTO VERE (FORSE LE PIÙ BELLE DELLE COLLEZIONI CARTONATE). 

NE AVEVO MOLTISSIME. 

TUTTE CONTENUTE IN ORDINE IN ALCUNI CASSETTONI DI UN'ARMADIO. 

COMPRAVO ANCHE TUTTE LE SETTIMANE LE RIVISTE DE: "IL CAMPIONE", "LO SPORT ILLUSTRATO", "FOOTBALL". 

FOTOGRAFIE MOLTO BELLE, ARTICOLI CHE TI FACEVANO SOGNARE QUEL MONDO PER ME MOLTO LONTANO. 

SOGNA OGGI, SOGNA DOMANI, UN GIORNO MI VENNE IN MENTE DI INCOLLARE QUESTE BELLE FOTO DEI GIOCATORI SU DEI FOGLI DI COMPENSATO E POI RITAGLIARLI COL TRAFORO. 

SI, PROPRIO TRAFORARLI CON UN BEL TRAFORO A MANO CHE ERA NELLA MIA DOTAZIONE GIOCHI ASSIEME AD ALCUNI PEZZI DEL MECCANO. 


UNA VOLTA TRAFORATI MI RITROVAI TRA LE MANI NON PIU' DELLE IMMAGINI SU CARTA, SOLO DA GUARDARE, MA DEI "VERI" CALCIATORI, TANTO VERI CHE LA FANTASIA POTEVA FARLI MUOVERE SUL PRATO PIU' FANTASTICO E BELLO DI TUTTI GLI STADI DEL MONDO: IL PAVIMENTO DI CASA MIA!
PER IL PALLONE FECI PRESTO: ADOPERAI, INFATTI, UN MATTONCINO DELLE COSTRUZIONE "PLASTICBRIK" DI ALLORA, L'IMPORTANE ERA CHE NON FOSSE TROPPO FACILE DA MUOVERE E, SOPRATUTTO CHE NON ROTOLASSE. 

AVEVO IL CAMPO, IL PALLONE ED I GIOCATORI, POTEVO ANCHE GIOCARE, MA OGNI GIOCO DEVE AVERE DELLE REGOLE.. 

E COSI' INIZIAI A DARLE! 

  • IL CAMPO ERA UNA PARTE DEL CORRIDOIO DI CASA MIA, LARGO CIRCA UN METRO E 50 cm E LUNGO CIRCA 4 METRI.
  • LE PORTE ERANO DELLE SCATOLE DI SCARPE RITAGLIATE "AD HOC";OVVERO TAGLIAVO DUE SPIGOLI DELLA SCATOLA, DALLA STESSA PARTE E RIPIEGAVO IL LATO LUNGO DELLA SCATOLA VERSO L'ESTERNO IN MODO CHE DESSE PIU' STABILITA' ALLA PORTA E NON FACESSE UN RIALZO PROPRIO DOVE C'ERA L'IMMAGINARIA RIGA DI PORTA;
  • TEMPO DI GIOCO: LO FISSAI IN 1 ORA CON DUE TEMPI DA 30 MINUTI CIASCUNO, ALMENO COSI' CREDO DI RICORDARE;
  • I GIOCATORI ERANO TRAFORATI SU UN COMPENSATO DI 5 mm DI SPESSORE E NON POTEVANO ESSERE PIU' ALTI DI 18 cm E PIU' LARGHI DI 9 cm, SPECIE IL PORTIERE PER NON PORRE TROPPO INGOMBRO DAVANTI ALLA PORTA;
    SI GIOCAVA 11 CONTRO 11, OVVIAMENTE, COME NEL CALCIO VERO;
  • SI POTEVA TIRARE IN PORTA SOLO ARRIVATI, DOPO PASSAGGI E MARCATURE, A CIRCA 50 cm DALLA PORTA AVVERSARIA. 

COME E' FACILE INTUIRE DA QUESTE PRIME ESSENZIALI REGOLE, IL GIOCO NON ERA FATTO PER ESSERE GIOCATO DA SOLO, ECCO PERCHE' QUASI DA SUBITO COINVOLSI CIRCA 7/8 AMICI PER LO PIÙ COMPAGNI DI SCUOLA E GIOCAVAMO TUTTI I POMERIGGI

           .           

HO SEMPRE VINTO IO ANCHE PERCHÈ ERO MOLTO PIU' ALLENATO DEI MIEI COMPAGNI DI GIOCO. 

DIFATTI, QUANDO NON C'ERANO GLI AMICI, GIOCAVO DA SOLO AVENDO TRAFORATO 14/15 SQUADRE COMPLETE DI "SERIE A" CHE FACEVO PARTECIPARE AD UN MIO CAMPIONATO PERSONALE GIOCATO IN "SOLITARIO".
NON SO PERCHÈ MA VINCEVA SEMPRE LA FIORENTINA!
POI SCENDEVO NELL'UFFICIO DI MIO PADRE E MI SCRIVEVO, NON A MANO, MA BATTUTO A MACCHINA DA SCRIVERE, UN GIORNALE SPORTIVO TUTTO MIO, RIPORTANDO LE "CRONACHE" DI TUTTI GLI INCONTRI CHE AVEVO FATTO NEL MIO STADIO.  

DEVO DIRE CHE ANCHE QUESTO SECONDO IMPEGNO DI GIORNALISTA DELLE MIE AVVENTURE E DEI MIEI GIOCHI MI PIACEVA MOLTO. 

A RIPENSARCI BENE, IL GIOCO DEL CALCIO CON I CALCIATORI TRAFORATI NON E' STATO L'UNICO GIOCO CHE MI SONO "INVENTATO"! 

L'ALTRO ERA "IL GIRO D'ITALIA"! 

SI GIOCAVA SEMPRE NEL CORRIDOIO DI CASA CHE, PER FORTUNA, ERA MOLTO LUNGO E FATTO IN LEGNO E CON DELLE ASSI DISPOSTE PER IL VERSO DELLA LUNGHEZZA.
LE FOTO DEI CICLISTI (PER I MIEI GIOCHI NON HO MAI USATO LE FIGURINE) SI INCOLLAVANO SU UN CARTONCINO GROSSO E POI SI FUSTELLAVANO (FUSTELLA ROTONDA DI 3 CM) POI CON UN COLPO DEL DITO "SI TIRAVA" C'ERANO LE TAPPE CHE DURAVANO ANCHE ORE. 

OGNI TIRO DI DISTACCO ERA 1 MINUTO. 

ALLA MIA FANTASIA IL CREARE IL NUMERO DELLE TAPPE E LA SCELTA DELLE LOCALITA' TOCCATE DAL "GIRO". 

ANCHE PER IL GIRO SCENDEVO IN "REDAZIONE" A BATTERE A MACCHINA IL RESOCONTO DELLA TAPPA DI GIORNATA PER IL MIO GIORNALE!  

POI IL TEMPO PASSA, VOLANDO VIA, SI CRESCE; LA SCUOLA SI FA PIÙ IMPEGNATIVA, LE RAGAZZE, LA CHITARRA, IL COMPLESSINO, IL CALCIO VERO GIOCATO E CI SI DIMENTICA DELLE FIGURINE E DEI GIOCATORI TRAFORATI, DEI CICLISTI FUSTELLATI.

POI...IL LAVORO, CI SI SPOSA, LA FAMIGLIA, GLI IMPEGNI. 

CIRCA 10 ANNI FA, COME UN FLASH IMPROVVISO, MI RICORDO DELLE FIGURINE LASCIATE NELLA CASA PATERNA.

TORNO, MOLTO CURIOSO, A CERCARLE E NON LE TROVO PIÙ. INCREDIBILE! 

HO PASSATO DIVERSE SERATE A CERCARLE, DAPPERTUTTO, NELLE CAMERE, IN CANTINA, IN SOFFITTA, NEGLI ARMADI...NIENTE DA FARE, NON C'ERANO PIÙ. 

RUBATE, PROBABILMENTE O, PIU' SEMPLICEMENTE PORTATE VIA, MAGARI PENSANDO CHE NON INTERESSASSERO PIÙ, DA QUALCHE CAMERIERA DI MIA MADRE PER I PROPRI FIGLI. 

L'UNICA COSA CHE SONO RIUSCITO A TROVARE E' STATA UNA SCATOLA DOVE AVEVO RIPOSTO PARTE DEI CALCIATORI TRAFORATI E QUALCHE CICLISTA DEL GIRO D'ITALIA! 

QUESTO FATTO HA SCATENATO IN ME, DOPO L'INIZIALE FORTISSIMA DELUSIONE, TALMENTE TANTA NOSTALGIA DI QUELLE FIGURINE PER IL RICORDO DELL'L'INFANZIA CHE MI EVOCAVANO, CHE, APPROFITTANDO DI INTERNET ED ESSENDO TITOLARE DI UNA TIPOGRAFIA CON STUDIO GRAFICO, È STATO ABBASTANZA FACILE CONTATTARE DEI NUOVI AMICI , (CHE PER ORA HO CONOSCIUTO SOLO PER TELEFONO O SU INTERNET), E RICOMPRARMI UN POCO ALLA VOLTA TUTTE LE COLLEZIONI CHE NON AVEVO PIÙ. 

MAN MANO CHE MI ARRIVAVANO PER POSTA NON VI DICO L'EMOZIONE DI RIVEDERLE. 

OGNUNA MI RICORDAVANO QUALCOSA, ERA COME TUFFARMI DI NUOVO NELLA MIA FANCIULLEZZA, NEI MIEI RICORDI PIÙ CARI, NELLE INTERMINABILI ORE PASSATE A SOGNARE CON LA FANTASIA DI UN BAMBINO. 

BEI TEMPI ANDATI, TANTO BELLI CHE, A DISTANZA DI COSI' TANTI ANNI, NON LI VOGLIAMO LASCIAR ANDARE VIA, ANZI, FACCIAMO DI TUTTO PERCHE' RESTINO E SI RINVIGORISCANO IN NOI, PERCHE' UN SOLO MINUTO VISSUTO RITORNANDO BAMBINO NON HA PREZZO E NON SI PUO' SPIEGARE. 

CHI HA PROVATO QUESTE EMOZIONI NON LE DEVE DESCRIVERE SE PARLA CON UN ALTRO COME LUI, BASTA LO SGUARDO... 

PERCHE' IL MIO RACCONTO SIA MEGLIO COMPRENSIBILE, AGGIUNGO DELLE FOTO DEI GIOCATORI TRAFORATI DA ME, ORIGINALI DI ALLORA ED UN ESEMPIO DI PASSAGGIO E 2 TONDELLI DI CICLISTI FUSTELLATI SU DI UN CARTONCINO GROSSO PRONTI PER IL "GIRO D'ITALIA"...I POCHI ESEMPLARI CHE SI SONO SALVATI .... PECCATO CHE OGGI NON POSSANO PIU' PARLARMI, COME ALLORA ..... 


   
   
© www.FigurineCartonate.it, un'idea di Carlo Maria Allochis - realizzato da Glu2k WebMaster

Login

Registrazione autonoma disattivata.
Per creare un account scrivere una
mail a info@figurinecartonate.it indicando
"Nome Utente" e "Password" desiderate.
La password potrà essere cambiata in
qualsiasi momento tramite gesione account